Logo nuovo o restyling? Questo è il dilemma…

Se hai già un logo da tempo può capitare che questo dubbio amletico ti attanagli, magari non ti senti più in linea con l’immagine che avevi definito inizialmente: forse era già un’immagine provvisoria che sapevi saresti andata a sostituire, oppure il tuo business è cambiato molto e proprio per questo non risuona più allo stesso modo, non trasmette i tuoi nuovi valori o non è più per quel target.

Prima di arrivare a soluzioni affrettate però, vediamo insieme cos’è l’identità visiva e a cosa serve.

L’identità visiva è un contenitore con una serie di elementi grafici che servono a comunicare il tuo business. Ogni singolo elemento è in perfetta armonia con gli altri e se guardi questo contenitore dall’alto, riuscirai a percepire l’essenza del tuo brand.

L’identità visiva parlerà per te, si presenterà ai tuoi clienti del cuore…quando ancora tu non li avrai sentiti arrivare!

Se parlerà per te, forse vuoi approfondire meglio la questione, giusto? Vorresti comunicare un messaggio preciso e non “Sono Kelly, faccio cose”.
Per scoprire quale sapore avrà la tua identità visiva, definisci bene: chi sei, cosa fai, come lo fai e perché. Lavora quindi sul tuo personal branding e ponendoti le giuste domande riuscirai a conoscere il messaggio che vuoi trasmettere.

Per esempio: Sei un’assistente virtuale e il tuo scopo è aiutare a far risparmiare tempo alle tue clienti che sono principalmente libere professioniste che lavorano da casa. Ami l’organizzazione e la pianificazione, sei indipendente e curiosa: ogni app e tool che scopri vuoi testarlo per capire se può essere utile a te e alle tue clienti. Attraverso la tua brand identity vuoi comunicare affidabilità, indipendenza e organizzazione. Credi nella condivisione, nell’ascolto. Non ami le cose troppo noiose/seriose quindi sì alla professionalità ma vorresti trasmettere anche gioia e leggerezza. Ami le passeggiate all’aria aperta, hai un campo di grano vicino a casa che quando ci passi vicino ti fa sorridere all’istante. È questa l’atmosfera che vuoi trasmettere? Io inizio a respirarla, sai?

Una volta approfondita l’essenza che vuoi trasmettere – che sarà un mix di parole chiave, sentimenti o emozioni che parlano di te e del tuo business, puoi passare all’identità visiva e sicuramente nel percorso che farai torneranno a galla pezzettini di te e del tuo sogno che avevi analizzato da un altro punto di vista.

L’elemento principale dell’identità visiva è il logo: un’immagine il cui scopo è quello di sintetizzare tutto ciò che abbiamo citato prima.
È l’elemento che dice chiaramente chi sei: contiene il nome del tuo brand e racconta l’atmosfera che vuoi trasmettere: ha i tuoi colori, le forme che sognavi – date dal lettering usato o dal simbolo che lo accompagna.

Una volta che hai un logo puoi utilizzare questi elementi per i tuoi materiali di comunicazione andando ad ampliare e a rafforzare la tua identità visiva: il tuo sito, il biglietto da visita, la carta intestata, i materiali per il tuo corso online, le immagini per i post dei social, il packaging dei tuoi prodotti -ho dimenticato qualcosa? Sicuramente sì!-. In ogni caso ogni materiale comunicherà lo stesso messaggio e il punto cardine di tutto è proprio il logo.

“Ok quindi, che faccio?”

Dicevamo, poniamo il fatto che tu abbia già un logo -Heilà, eccoti! ma… tutta questa scintilla ora non la senti più.
Se il tuo business ha subìto un’evoluzione è probabile che tu non ti senta più allineata con il tuo logo e quello che ti consiglio è di ripartire da te.

Scrivi una lista che evidenzia i tuoi punti forza, la tua personalità e i tuoi valori. Poi, focalizzati sui problemi che risolvi e il tuo target.
Quando hai queste informazioni guarda il tuo logo con occhi più consapevoli e scopri se erano sensazioni dettate dal momento oppure se c’è da approfondire.

E, per aiutarti a scioglier eventuali dubbi guarda cosa c’è per te: il magico schemino rivelavore che, se osservato a stomaco vuoto ti farà venir voglia di pizza! 😀

Puoi salvarlo e lo trovi qui.

No Comments

Post a Comment